Worpressiani buongiorno.

“Oh William!” di Elizabeth Strout, vincitrice del premio Pulitzer con il romanzo “Olive Kitteridge”

Una chicca che ho acquistato in lingua originale perchΓ© ci sono libri a mio avviso che andrebbero letti con le parole autentiche dello scrittore (cosΓ¬ ho letto la saga di Harry Potter) ed Γ¨ per questo che ho atteso l’arrivo del libro in questione fermentando in silenzio come l’aceto. Secondo il New york Times la Strout Γ¨ la #1 “bestselling author” e non Γ¨ poi cosΓ¬ difficile comprenderne i motivi: Γ¨ sufficiente leggere uno dei suoi libri per capire che la sua piΓΉ grande abilitΓ  Γ¨ quella di animare con forza tutto ciΓ² che Γ¨ semplicemente ordinario come nel caso di “Oh William!” Conosciamo veramente nostro marito?

Conquistato il primo bottino, ho rapito il secondo: Nita Prose, “La cameriera”, bestseller anche in questo caso del New York Times, attualmente in pubblicazione in 35 paesi. È un giallo divertente, frizzante e originale che riassumo cosΓ¬ ‡️

Dopo aver letto una ventina di romanzi giapponesi, ho avvertito la necessitΓ  di scollarmi dai raggi del Sol Levante per un pΓ² perchΓ© mi conosco, finirei con l’abituarmi troppo a quel genere di narrativa e si sa le abitudini a lungo andare non sono mai salutari: finiscono per spegnere gli entusiasmi cosa alla quale presto molta attenzione. Sia mai!

E poi stiamo andando verso l’estate e anche il mio approccio verso la lettura cambia nei mesi estivi. Leggo, semplicemente leggo al posto di indagare la profonditΓ .

Buongiorno giovedì!

53 pensieri su “Freschi di giovedΓ¬…come le uovaπŸ₯šπŸ₯šπŸ₯š

      1. Beh essere abitudinari porta a fare sempre le stesse cose, dando una falsa sicurezza, illudendo che le cose non cambino, ma le situazioni della vita sono per loro natura mutevoli e, in quanto tali, in continua evoluzione….

        "Mi piace"

      1. ci sta. Γ¨ ora di passare ad altro. la fregatura sta nell’attaccamento che nasce verso questi romanzi. hanno delle qualitΓ  tutte loro che creano dipendenza

        "Mi piace"

  1. “La cameriera” Γ¨ giΓ  in lista. Ho letto un libro molto bello circa vent’anni fa: “Lo sporco degli altri” di Louise Rafkin e mi ci sono ritrovata avendo fatto pulizie a ore e cameriera per tanto tempo e stagioni in alberghi.
    L’abitudine nuoce gravemente alla salute: addirittura sposto i mobili in casa…πŸ˜‰πŸ˜

    "Mi piace"

  2. “Conosciamo veramente nostro marito?”
    Credo di no. E nemmeno noi mariti possiamo sapere tutto delle mogli.
    Poi… dipende nel romanzo quali siano i segreti scoperti, io questo non lo so. Ma qualche segretuccio credo lo abbiamo tutti.

    Libri in lingua originale: qualcuno l’ho letto anch’io, in inglese. Me la cavo abbastanza bene (caso vuole ne stia leggendo uno proprio in questi giorni) ma la necessitΓ  del vocabolario, e la mancata conoscenza di alcuni “modi di dire”, mi rallentano troppo. Ma il libro che sto leggendo ora (sempre sui miei Pet Shop Boys) Γ¨ stato pubblicato solo in inglese, per cui…

    "Mi piace"

  3. Non conosco questi autori, m8 pare di non avere mai letto nulla di loro. Per quanto conoscere i mariti sono una che jon conosce neppure a fondo s3 stessa figuriamoci forme potrei mai avere la presunzione di conoscere al male per mille mio marito!!! Scherzi a parte ma neanche tanto, marito o non, credo sia piuttosto improbabile conoscere in tutto per tutto una persona chiunque essa sia!!! Per quanto riguarda le abitudini, non fanno per me balenga come sono, mi piace sempre spaziare in ogni dove πŸ˜‰πŸ€©

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...