La sera è il momento durante il quale mi occupo di quel pezzettino di cose curiose che generalmente disperdo durante il giorno per mancanza di tempo, e proprio ieri sera mentre la finestra era ormai già gonfia del suo buio e la famiglia acquietata nei suoi spazi, ho provato ad immaginare come sarebbe vivere con attenzione le 72 stagioni. È vero sono quattro le stagioni che caratterizzano i quarti della mela, con i loro mutamenti incessanti che talvolta l’occhio fatica a rilevare, ma se stiamo a vedere cosa dice il vecchio calendario giapponese le stagioni sono ben 72. Secondo questo calendario ogni 5 giorni subentra un’altra stagione, cosa della quale non ce ne accorgiamo ma che in realtà succede: sbucano nel terreno erbe nuove, fiori inaspettati, svolazzano insetti che vivono il loro momento, sempre in attesa che subentri dell’altro. Ventiquattro periodi che a loro volta si frantumamano e che generano parole dal senso poetico che ho conservato: il calore del vento dal 7 all’11 luglio, il cinguettio della cutrettola ballerina dal 12 al 16 settembre, della cicala crepuscolare dal 12 al 16 agosto, delle lucciole dal 10 al 15 giugno…

Questo calendario antico, che è stato soppiantato da quello Gregoriano, offre la possibilità di rivedere la vita ogni cinque giorni. Quel che è stato è stato, e al suono della sveglia al termine del quinto giorno ne succede una fase nuova, diversa dalla precedente anche se ad occhio nudo le cose non sembrano mai così. I colori seguono il ballo, le 17 tonalità del verde nel mese di Maggio, quelle infinite del rosso ad Ottobre, i bruni e i grigi che caratterizzano l’inverno, il madreperla che racchiude i tanti modi con i quali la pioggia cadendo racconta di sé.

Noi che viviamo in un’epoca che fa di tutto per farci correre, e che vede le stagioni come previsioni grazie alle quali organizzare i fine settimana o scegliere l’abbigliamento più adatto, in realtà abbiamo questa risorsa: 72 stagioni che rendono la vita meno banale di quanto appaia, una barchetta di carta che prende il largo ogni volta, tutte le volte.

Ogni 5 giorni un’opportunità, a volte anche il parlare muta il suo senso e diventa un nuovo tempo.

Fotografia personale

26 pensieri su “Le “72 stagioni”, ad occhio e croce🍂💐🌸❄

  1. Ma che meraviglia, non lo sapevo, davvero interessante, l’arte di saper osservare i piccoli particolari della natura, buona serata sist 😉

    "Mi piace"

  2. interessante questa cosa dei 5 giorni, non ci avevo mai pensato, in effetti soprattutto in natura, ogni 5 giorni vediamo cambiamenti, basta osservare una piantina, un fiore, una gemma. Tutto cambia abbastanza rapidamente, senza che noi ci facciamo caso..👍👍👍👍👍👍😉👏

    "Mi piace"

  3. Questo calendario mi piace!
    Il mio personale è molto simile, ma va di tre giorni in tre giorni, per tutto. Le stagioni come le intendiamo noi per me non esistono.
    In casa mi prendono in giro, poi quando arriva l’ora legale non ne parliamo!

    "Mi piace"

Comments are now closed.