Konnichiwa! こんにちは

GIORNATA PIOVOSA, e io decido dopo pranzo di riposare un po’, giusto il tempo di rivedere per la milionesima volta The Nightmare before Christmas. Terminato il film ho pensato “ma sì piove, quasi quasi rivedo un po’ di cosette che ho studiato in settimana” e da che l’ho detto sono trascorse due ore e quarantacinque minuti, volate! Non lo so ma il giapponese per me è una droga, e forse hanno ragione i miei figli e mio marito quando dicono che a me manca qualche rotella (o forse ne ho qualcuna di troppo?) I minuti passano alla velocità della luce e io resto sempre meravigliata da come sia sì difficile da studiare ma anche travolgente e affascinante. I kanji sono qualcosa di meraviglioso, se penso che dal disegno classico del sole, quindi un cerchio con i raggi, ne è conseguita questa trasformazione:

O la luna, da spicchio a….

E’ veramente magia! Tuttavia è una scrittura complicata, ci sono tre alfabeti che occorre conoscere: kanji, hiragana e katakana e ognuno di loro ha una funzione. E’ bello proprio perché è così, qualcosa che si conquista un pezzettino per volta con grandissima umiltà perché se c’è una cosa che ho accettato da subito è quella di mettere da parte la fretta, la sicurezza di riuscirci al primo colpo, e la certezza di avere tutto chiaro nell’immediato. Non è così che funziona e forse è proprio per questo che appena posso, inforco il mio quadernino, matita e gomma al seguito, e mi butto nei labirinti della lingua perdendo il senso del tempo. E vi dirò, per quanto ridicolo possa sembrare quanto sto per dire, grandi sono la gratitudine e l’emozione che ne conseguono quando guardo il mio quadernino deglutire affamato parole, segni, tratti, postille, sottolineature e faccine che in genere disegno quando qualcosa mi sfugge e devo ricontrollare. Saranno gli anni che ho addosso e forse la voglia in un certo senso di “sentirmi ancora allieva” a spingermi verso questa piccola conquista che sento di meritare per il rispetto con la quale la sto trattando. E se posso aggiungere, sono anche felice di sbagliare spesso, di dover correggere, rivedere, rileggere e ripetere all’infinito poiché credo sia un ottimo esercizio per mettere a dura prova la mia determinazione. Che abbia imparato a far colare la giusta dose di oro liquido nelle mie crepe, come insegna l’arte del Kintsugi 金継ぎ che trasforma la fragilità in punto di forza?

Non lo so, staremo a vedere, ma certo è che ogni sconfitta, caduta, inciampo, difficoltà a me hanno sempre portato a fare cose sagge, a scoprirne di nuove e a gioirne in caso di successi personali ed è per questo che ho un enorme rispetto per “il difficile”.

Chiudo con questi dolcini che solo a guardarli mettono di buonumore. Buona serata.

Wagashi immagine reperita da Vivere Zen

42 pensieri su “Il giapponese, è una droga!

  1. è bello lasciarsi prendere dall’entusiasmo in crescendo per qualcosa che appassiona …e anche quei dolcini sono entusiasmanti 🙂
    bella serata Paola

    "Mi piace"

  2. Secondo me non ti manca nessuna rotella, Paola, anzi e non trovo nulla di ridicolo in quello che fai. Mi stai facendo appassionare sempre di più al Giappone! 🙏🙏🙏🖤🖤🖤

    "Mi piace"

  3. Questi dolcini sono uno spettacolo, io adoro il fucsia, sei grande per la tua determinazione e per la tenacia, continua così. In genere, sono anche io per le cose difficili! Un abbraccio, buona serata 🤗🖤🤗🖤🤗🖤

    "Mi piace"

  4. Non è ridicolo quello che dici! E’ stupendo1 E’ la forza di mantenere viva la voglia di fare, di sapere, di mettersi in gioco, e che tu abbia una rotella in meno o in più è sicuro che girano meravigliosamente ❤
    grazie per il tuo impegno verso la vita che hai abbracciato e grazie per i dolci.
    Buona serata ❤

    "Mi piace"

  5. per me il giapponese è impensabile, non mi ci metto neppure a capirlo, ma per chi ci riesce tanta roba come si suol dire 👏👏👏👍👍 quei dolcetti sembrano buonissimi 😋 bisognerebbe capirne il gusto 🤔

    "Mi piace"

  6. Accadde proprio così come spieghi quando una materia ci appassiona!!! Un grande elogio alla tua determinazione 🥀🥀🥀 Buona serata 😘

    "Mi piace"

  7. Bonjour Paola je t’admire quelle est grande ta soif d’apprendre, merci pour les douceurs bien appréciées même virtuellement bisous bon dimanche MTH

    "Mi piace"

  8. Paola grazie per i dolcetti
    ! Soprattutto per la passione che metti nello studio e che trasmetti … Senza passioni che sono zucchero sale miele e mille altre cose ancora si rischia la noia …
    A volte ho sognato di andare in Giappone per me è affascinante con la sua luce e le sue ombre .
    Ora sarebbe il tempo migliore …
    Disegno in bianco e nero sono bozzetti su carta per approfondire il corpo umano .
    Io amo i colori prenderò i sanguinelli basta con il carboncino .
    Provo un po’ di pudore a pubblicare , lo devo superare
    Buona domenica 💖🌅

    "Mi piace"

  9. Lo studio dellavscrittura giapponese è qualcosa di DAVVERO complicato e affascinante…di potente eleganza li ho scelti da tempo immemore per accompagnare i miei 7 tatuaggi.
    Brava la mia ragazza!!!!!
    Chapeau!!!!

    "Mi piace"

Comments are now closed.